23 novembre 2020

Le star del basket Nba a canestro contro il razzismo

Papa Francesco ha ricevuto in udienza una delegazione del sindacato giocatori National basketball players association (Nbpa) impegnati  nella lotta contro il razzismo.

L’incontro è avvenuto oggi in Vaticano. Erano presenti giocatori del calibro di Sterling Brown degli Houston Rockets, Kyle Korver dei Milwaukee Bucks, Anthony Tolliver dei Memphis Grizzlies, Jonathan Isaac e il nostro Marco Belinelli.  Campioni che hanno messo in campo impegno e strategie perché ogni forma di razzismo venga sconfitta.

Un impegno preso fortemente a cuore, sulle questioni dei diritti sociali, come testimonia la volontà di incontrare Papa Francesco per presentargli personalmente i loro sforzi, e quelli dei loro colleghi, ricevendo dal Papa parole di incoraggiamento.

Diversi per provenienze, storie e cultura, i giocatori di basket professionisti della Nba, stanno utilizzando, insieme, la grande “piattaforma” di comunicazione offerta dal palcoscenico della Nba per rilanciare i valori sportivi più autentici escludono qualsiasi forma di razzismo.

Presenti all’incontro anche i responsabili della Nbpa Michele Roberts, Sherrie Deans e Matteo Zuretti, premio Retina d’oro speciale 2015 per il suo impegno a sostenere oltre i diritti e i talenti dei giocatori, progetti e iniziative solidali e di giustizia sociale.